Matrimoni

La cerimonia e le usanze del matrimonio induista tradizionale

In un mondo così vario per tradizioni e usanze perchè non parlare dei riti di altri Paesi? Oggi vi racconteremo del matrimonio indiano e del rito induista in particolare…

La cerimonia e le usanze del matrimonio induista tradizionale viene celebrato in osservanza di riti tradizionali molto sfarzosi e colorati che portano la sposa e lo sposo sul cammino del successo coniugale, finanziario e inscindibile.

Il matrimonio indù è molto importante perché unisce solennemente gli sposi e le loro famiglie e viene considerato non solo un sacramento che garantisce una continuità familiare, ma anche un mezzo per ripagare il proprio debito con gli antenati.

Il matrimonio d’amore generalmente non è contemplato. Il partner ideale viene scelto dalle famiglie tenendo in considerazione lo stato sociale ed economico, il credo, la casta e il quadro astrale di nascita.

Il matrimonio hindu si svolge in più tappe, con festeggiamenti che durano per circa cinque giorni consecutivi.

Tutte le cerimonie e i riti indù  osservati rievocano un fascino intramontabile e una saggezza millenaria.

Per tradizione è la famiglia della sposa a sostenere i costi della cerimonia e del corredo nuziale.

Nel giorno prima delle nozze, alla sposa indù vengono dipinti piedi e mani con l’hennè tramite la cosiddetta tecnica Mehndi. Si tratta di una sorta di addio al nubilato, una vera cerimonia a cui partecipano le amiche e le parenti della sposa. La leggenda vuole che più è intenso e scuro il colore del Mehndi, maggiore sarà l’amore provato dallo sposo nei confronti della sua consorte.

Il giorno del matrimonio viene acceso un fuoco sotto un grande gazebo decorato con fiori. Lo sposo arriva in processione accompagnato dalla famiglia e dagli amici festanti e viene accolto dalla famiglia della sposa.

Nelle zone settentrionali dell’India, i colori tradizionali dell’abito nuziale sono il rosso, colore di buon auspicio ed il verde, simbolo di fertilità.

Nelle zone meridionali, invece, l’abito nuziale è per tradizione il sari bianco. Di solito, le spose indiane nascondono il proprio viso con un velo anche se, in alcune zone più liberali, è sufficiente coprire la testa.

Durante la cerimonia, gli sposi si scambiano ghirlande di fiori, yogurt e miele, noci di cocco, petali di fiori e burro chiarificato.

Il padre della sposa affida la figlia allo sposo dopo la promessa di assistere la ragazza nella realizzazione dei tre sacri scopi matrimoniali: Dharma (dovere morale), Artha (dovere economico) e Kama (dovere sessuale ed amoroso).

Il sacerdote annoda, dunque, il lembo finale della sari della sposa al bordo della sciarpa indossata dallo sposo. Gli sposi indù si scambiano anelli e ghirlande di fiori e le offerte rituali sono gettate nel fuoco sacro che arde, compiendo tre giri rituali intorno a esso tenendosi per mano.

Al termine di ogni giro intorno al fuoco, lo sposo sale su una pietra o pedana, al termine della quale la sposa appoggia la punta del piede destro sulla stessa pietra. Gli sposi, poi, compiono insieme sette passi intorno al fuoco sacro o lungo un percorso segnato da sette mucchietti di riso, fiori e altri simboli di prosperità e, a ogni passo, reciteranno invocazioni e promesse per la loro futura vita coniugale.

Al termine di questo rito, gli sposi sono ufficialmente marito e moglie.

Lo sposo, dunque, allaccia alla sposa un girocollo detto mangalasutra, contenente i simboli di Shiva o Vishnu, che costituisce l’insegna di donna sposata, aggiungendo anche gli anelli alle dita dei piedi o una fede nuziale. In seguito, pone una polvere rossa nella scriminatura centrale dei capelli della sposa e sulla fronte, a simbolizzare la sua nuova condizione di donna sposata.

La famiglia dello sposo offre doni alla sposa e gli invitati lanciano petali di fiori verso la nuova coppia.

Il cibo del ricevimento ai matrimoni indiani tradizionali non prevede alcool ed è principalmente vegetariano, nel pieno rispetto delle tradizionali credenze religiose.

Dopo il matrimonio e il ricco banchetto nuziale, gli sposi partono per la loro casa, spesso quella familiare del ragazzo, portando con loro in un braciere il fuoco sacro di fronte al quale si sono sposati.

La sposa è adagiata sulla doli, una lettiga decorata con un tetto e quattro maniglie, portata di solito dagli zii materni e dai fratelli della sposa.

4 thoughts on “La cerimonia e le usanze del matrimonio induista tradizionale

  1. Amo l’India e divoro tutti gli articoli che ne parlino. Ci sono stata diverse volte e quello che mi ha colpito, ai matrimoni, è il velo di tristezza sugli occhi della donna. I festeggiamenti sono, invece, spettacolari.

    1. Sono riti particolari che danno un significato in più alla cerimonia soprattutto civile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *